Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Zimbabwe, arrestato il capo del sindacato promotore delle proteste

ROMA - Le autorità dello Zimbabwe hanno arrestato il leader sindacale Japhet Moyo, segretario generale dello Zimbabwe Congress of Trade
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Le autorità dello Zimbabwe hanno arrestato il leader sindacale Japhet Moyo, segretario generale dello Zimbabwe Congress of Trade Unions (Zctu). La notizia è stata riferita alla stampa locale da un gruppo di avvocati per i diritti umani: secondo questi ultimi, il sindacalista sarebbe stato fermato oggi all’aeroporto di Harare e poi trasferito in un commissariato della città.

L’arresto segue di pochi giorni quello del pastore protestante Evan Mawarire, che rischia ora fino a 20 anni di carcere per “sovversione”.

Insieme allo Zctu, Mawarire e il suo movimento ThisFlag sono tra i principali attori delle proteste contro il caro benzina e la crisi economica che si sono svolte la settimana scorsa in varie località del Paese africano.

A margine delle manifestazioni, circa 600 persone sono state arrestate, secondo Amnesty International, e almeno otto sono morte in seguito a scontri con la polizia.

LEGGI ANCHE:

Zimbabwe, il gesuita: “In piazza anche contro il fondo monetario”

VIDEO | Zimbabwe, scontri in piazza per il caro benzina: morti e feriti

Zimbabwe, rubano la valigetta di Mugabe e comprano moto e maiali

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»