Sardine, anche la Basilicata non si lega il 27 dicembre

A Matera il movimento sarà in piazza Vittorio Veneto dalle 18 alle 20 per "riappropriarsi degli spazi di partecipazione alla vita politica e istituzionale del paese"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – Anche la Basilicata non si Lega. Il 27 dicembre a Matera il movimento locale delle Sardine sarà in piazza Vittorio Veneto dalle 18 alle 20 per “riappropriarsi degli spazi di partecipazione alla vita politica e istituzionale del paese”. Così i rappresentanti lucani in una nota.

“A prescindere da quello che sarà nel resto d’Italia, ci sentiamo responsabili di fronte ad un fenomeno politico e sociale, quello del ritorno in piazza – hanno scritto – dal quale è nato uno spazio di democrazia rinnovata. Anche la Basilicata ha bisogno di tutto questo, di quella piazza multiculturale e viva, luogo di confronto, di aggregazione e di crescita”.

Ambiente, salute, lavoro, disoccupazione giovanile e fuga di massa dei giovani lucani. Questi i temi che promettono di portare in piazza, “che ci toccano quotidianamente – hanno precisato i promotori – e che solo noi giovani, senza alcuna presunzione, possiamo e dobbiamo affrontare frontalmente per le sorti del nostro futuro e della nostra regione”.

Il gruppo di coordinamento lucano a oggi conta più di 50 referenti, sparsi per la Basilicata. L’appuntamento del 27 dicembre è il primo di un percorso finalizzato a “rendere finalmente i giovani di questa terra gli assoluti protagonisti della vita politica lucana e a realizzare quel ricambio generazionale auspicato da tanti ma realizzato da nessuno”. Il gruppo chiuso su Facebook, Sardine lucane, conta ad ora 7074 iscritti ed è in incremento.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»