Ex Ilva, accordo tra Mittal e i commissari: “Nuovo contratto entro gennaio”

Lo comunica il Mise: le parti tornano al tavolo delle trattative per rivedere i termini contrattuali
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Il ministro dello Sviluppo Stefano Patuanelli ha autorizzato i commissari straordinari alla firma degli Heads of Agreement con ArcelorMittal. Lo si apprende da fonti del Mise che spiegano: “Così vengono poste le basi per trovare un accordo più completo entro gennaio”.

L’accordo sarà la base per negoziare la revisione del contratto originario di affitto e vendita degli stabilimenti. Le parti avranno quindi circa quaranta giorni per tornare intorno al tavolo e rinegoziare i termini dell’impegno della multinazionale nello stabilimento, nel tentativo di scongiurare che la questione sfoci invece in una disputa giudiziaria.

ARCELORMITTAL: FIRMATO ACCORDO, NOGOZIATI FINO A GENNAIO 2010

“ArcelorMittal annuncia che AM InvestCo ha firmato un accordo non vincolante con i Commissari Ilva nominati dal Governo che costituisce la base per continuare le trattative riguardanti un piano industriale per Ilva, incluso un investimento azionario da parte di un ente partecipato dal Governo”. E’ quanto si legge in una nota della multinazionale.

Arcelor spiega: “Il nuovo piano industriale- si legge- prevede investimenti in tecnologia verde da realizzarsi anche attraverso una nuova società finanziata da investitori pubblici e privati. I negoziati proseguiranno fino a gennaio 2020. Nel frattempo, nel corso dell’audizione che si è tenuta oggi, i Commissari Ilva e AM InvestCo hanno chiesto un ulteriore rinvio fino alla fine di gennaio 2020 della richiesta delle misure provvisorie avanzate dai commissari Ilva”, conclude.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»