La riforma sulla prescrizione in vigore dal 1 gennaio, vertice aggiornato al 7

Bonafede: "Sono orgoglioso", ma sbaglia la data del vertice
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Non ci sara’ una proroga. La riforma del ministro Alfonso Bonafede sulla prescrizione entrera’ in vigore dal 1 gennaio 2020. “Non ci soddisfano i termini in cui entrera’ in vigore il primo gennaio la riforma della prescrizione. Il vertice di maggioranza sul tema si e’ aggiornato al 7 gennaio prossimo”. Lo riferisce Walter Verini al termine della riunione di Palazzo Chigi.

BONAFEDE: ‘ORGOGLIOSO DI RIFORMA’, GAFFE SU DATA VERTICE

“Sono orgoglioso del fatto che il primo gennaio entrera’ in vigore la riforma della prescrizione. Sapete quanto ci abbiamo creduto, sono molto soddisfatto di questo”. A dirlo il ministro di giustizia Alfonso Bonafede, al termine del vertice di maggioranza a Palazzo chigi. “Detto questo – aggiunge- sono consapevole delle divergenze che ci sono anche sul punto della prescrizione. Per questo l’8 gennaio ho dato la mia disponibilita’, abbiamo gia’ fissato un incontro con tutte le forze della maggioranza nel quale prenderemo in considerazione tutte le proposte delle forze politiche di maggioranza” sull’accelerazione dei tempi del processo. “Non c’e’ nessuna preclusione da parte mia”, aggiunge Bonafede. A chi gli fa notare che uscendo i partiti avevano detto che il vertice era stato aggiornato al 7 gennaio, e non all’8, Bonafede si corregge al volo: “Scusate scusate, e’ il 7 gennaio non l’8 gennaio. Eravamo in dubbio tra il 7 e l’8 gennaio, poi siccome l’8 gennaio c’e’ un’agenda molto fitta in Senato abbiamo deciso di anticipare di un giorno”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Dicembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»