Questa sera il ministro Tria incontra la Fondazione Bellisario

ROMA - Oltre centocinquanta donne saranno ad attendere il Ministro Giovanni Tria, accompagnato dalla sua signora, stasera a Palazzo Rospigliosi. L’occasione
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oltre centocinquanta donne saranno ad attendere il Ministro Giovanni Tria, accompagnato dalla sua signora, stasera a Palazzo Rospigliosi. L’occasione è l’incontro di Natale della Fondazione Marisa Bellisario nel corso del quale il Ministro dell’Economia rivolgerà un breve saluto alle imprenditrici, manager, professioniste e giovani donne associate alla Fondazione intitolata a Marisa Bellisario.

“Per noi è un onore e un piacere– dichiara la Presidente Lella Golfo– accogliere e ospitare una personalità che in questi mesi abbiamo imparato a conoscere come uno degli esperti più competenti, preparati e saggi dell’esecutivo. Stimo il professor Tria e credo che se l’Italia riuscirà a uscire dalla delicata impasse in cui si è venuta a trovare sarà anche grazie alle competenza e alla serietà con cui ha lavorato sin dal primo giorno del suo mandato. Per una Fondazione come la nostra che ha sempre messo i temi economici al centro della propria attività, le parole e la presenza del Ministro Tria, che- conclude la presidente- ringrazio per l’attenzione e la sensibilità, rappresentano un bel segnale e il riconoscimento di una presenza costante e importante nella società italiana”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»