Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Gli studenti del ‘Piria’ di Reggio Calabria ricordano Antonio Megalizzi

REGGIO CALABRIA - Hanno scelto come simbolo un'unica
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print








REGGIO CALABRIA – Hanno scelto come simbolo un’unica bandiera, quella dell’Unione Europea, gli studenti dell’Ite Piria di Reggio Calabria per ricordare e salutare Antonio Megalizzi, il giovane originario del capoluogo calabro deceduto lo scorso 14 dicembre a seguito dell’attentato terroristico avvenuto a Strasburgo.

Leggi anche Strasburgo. E’ morto Antonio Megalizzi, il giornalista italiano ferito nell’attentato

Nel giorno del suo funerale gli studenti dell’istituto hanno voluto organizzare due momenti, uno di riflessione all’interno della scuola, nella stanza delle emozioni, con la lettura dell’articolo ‘la quercia’, scritto nel 2002 da Antonio Megalizzi. Il secondo a piazza Duomo, sotto l’albero natalizio, attorno al quale, insieme agli insegnanti, hanno portato una bandiera dell’Unione Europea a testimonianza “dei valori di unità, fratellanza e solidarietà dei popoli, a cui credeva fortemente anche Antonio”.

Nel pomeriggio su iniziativa dell’Amministrazione comunale, sempre a piazza Duomo, si svolgerà un’ulteriore manifestazione in ricordo del giovane con l’accensione, attorno all’albero di Natale, di 12 fiaccole a forma di stelle che rappresentano la bandiera dell’Unione Europea.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»