La porta blindata? A Firenze la paga il Comune

Palazzo Vecchio ha stabilito contributi per 200.000 euro (destinati a crescere) per incrementare la sicurezza dei cittadini.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

FIRENZE – Si chiama “fondo casa protetta“, servirà per difendere meglio l’abitazione dai furti ed il Comune di Firenze, già dal bilancio in approvazione in Consiglio tra oggi e domani, ci metterà 200.000 euro l’anno, cifra che però negli anni sarà irrobustita. Lo annuncia a Lady Radio il sindaco di Firenze Dario Nardella, dove spiega come l’idea lanciata qualche mese fa si è tradotta in una misura inserita dentro la ‘manovra’.

Palazzo Vecchio, spiega il primo cittadino, “arriverà a dare contributi fino a 2.000 euro a famiglia, soprattutto a quelle più in difficoltà, partendo da periferie o giovani coppie, per fare quei piccoli interventi che proteggono di più la casa. Penso a porte blindate, infissi o anche telecamere di videosorveglianza privata“.

Inoltre, aggiunge, “abbiamo anche un accordo con Cna e Confartigianato, che dovremmo firmare, per un ulteriore sconto delle imprese. Si tratta- conclude- di una misura molto concreta, perché aiuta le famiglie a proteggere meglio le proprie case di fronte al rischio di furti in appartamento”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Dicembre 2018
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»