L’altolà di Mattarella: “Ci sono limiti imposti dalla Costituzione”

ROMA - "Rivolgo ai componenti del governo, al presidente del consiglio, ai vicepresidenti, ai ministri, ai sottosegretari, un ringraziamento. E,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Rivolgo ai componenti del governo, al presidente del consiglio, ai vicepresidenti, ai ministri, ai sottosegretari, un ringraziamento. E, un augurio affinché ciascuno possa adempiere il proprio mandato secondo quel che richiede la nostra Costituzione a chi svolge pubbliche funzioni, accompagnando l’adempimento dei propri compiti con il rispetto dei limiti del potere che la nostra carta indica a chi è chiamato a esercitarlo. Sono doveri che riguardano ciascuno di noi. Riguardano tutte le donne e gli uomini, a partire dal Presidente della repubblica, che hanno il privilegio di servire le istituzioni, e attraverso di esse, dare il loro contributo alla realizzazione del bene del paese”. Lo ha detto ieri il Presidente della Repubblica Sergio Mattarella durante la cerimonia al Quirinale Le Alte cariche.

“RUOLO PARLAMENTO VA RISPETTATO”

Al Parlamento, espressione e interprete della sovranità popolare, è affidato il ruolo centrale nella democrazia disegnata dalla Costituzione. Ruolo che contrassegna ogni democrazia parlamentare. E che va rispettato e preservato per non alterare l’essenza di ciò che la nostra carta definisce e prescrive”, ha detto ancora Mattarella durante la cerimonia al Quirinale con le alte cariche.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»