Tempesta su Poletti, la minoranza dem all’attacco

Non si placano le polemiche per le frasi sui giovani del ministro del Lavoro Giuliano Poletti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


ROMA – Non si placano le polemiche per le frasi del ministro del Lavoro Giuliano Poletti che, riferendosi ai tanti giovani che emigrano dall’Italia per cercare lavoro all’estero, ha detto che “questo paese non soffrirà a non averli tra i piedi”.

ROSSI: “RABBIA E SGOMENTO”, SPERANZA: “NON PUO’ DIRE CERTE COSE”

“Chiedo scusa a mio figlio e ai giovani a nome del Pd e del governo. Poletti dichiara: ‘Centomila giovani in fuga? Conosco gente che è bene non avere tra i piedi’. Una battuta simile a quella della Fornero per la quale i giovani erano ‘schizzinosi’. Dovremmo fare piani per il lavoro, un patto dove gli adulti benestanti si sacrificano per dare un futuro ai propri figli. Invece li prendiamo a calci. Provo rabbia e sgomento”. Lo afferma il presidente della Giunta regionale e candidato alla segreteria nazionale del Pd, Enrico Rossi.

“Un ministro del governo non puo’ dire quelle cose” attacca Roberto Speranza, leader della sinistra Pd, intervistato a L’Aria. “Valuti lui che fare- aggiunge Speranza a proposito dell’ipotesi di dimissioni- ha chiesto scusa, non possiamo impiccarlo per una frase. Ma io gli chiedo altro: di intervenire sulla riforma del lavoro. Ai giovani dobbiamo dire di venire a darci una mano per cambiare l’Italia“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»