Legge di stabilità. Consiglio dei ministri notturno per la ‘nota di variazioni’ al bilancio

ROMA - Il Consiglio dei ministri, riunitosi oggi,
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Palazzo MontecitorioROMA – Il Consiglio dei ministri, riunitosi oggi, domenica 20 dicembre 2015, alle ore 2.40, alla Camera dei Deputati, sotto la presidenza del ministro dell’Economia e delle finanze Pietro Carlo Padoan e segretario il sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei ministri Claudio De Vincenti, ha adottato la seconda ‘Nota di variazioni’ al bilancio di previsione dello Stato per il triennio 2016-18 che recepisce gli effetti degli emendamenti al disegno di legge di stabilità 2016 e al disegno di legge di bilancio approvati in seconda lettura dalla Camera dei Deputati. Lo riferisce un comunicato di Palazzo Chigi, che spiega: le modifiche alla manovra rideterminano il livello di indebitamento netto nel 2,4 per cento del Pil per il 2016 e confermano, per gli anni successivi, il percorso programmato degli obiettivi di finanza pubblica. In particolare, gli emendamenti approvati nel corso dell’esame alla Camera intervengono in materia di Sicurezza e Cultura (2 miliardi), a favore delle imprese operanti nelle aree del Mezzogiorno disponendo l’introduzione di un credito d’imposta per investimenti (circa 600 milioni annui per un quadriennio), in materia pensionistica (circa 330 milioni, di cui 146 per l’elevamento della no-tax area a 8.000 euro). Ulteriori interventi sono stati inoltre varati a favore di Regioni ed Enti Locali. Il Consiglio dei ministri è terminato alle 2.44.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»