Covid, i pediatri: “Il vaccino sarà sicuro, testato ed efficace”

Villani (Sip): "Tempi rapidi perché la tecnologia ha fatto passi da gigante"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Quando un vaccino arriva ad essere immesso vuol dire che è sicuro, testato ed efficace”. Il presidente della Società italiana di pediatria (Sip), Alberto Villani, lo sottolinea ai microfoni di Unomattina intervistato da Marco Frittella e Monica Giandotti sui dubbi in merito alla sicurezza del vaccino anti Covid. “La normativa italiana è una delle più rigorose al mondo- precisa- Il vaccino deve passare tutta una serie di controlli e di verifiche attraverso le agenzie nazionali. Nel nostro Paese c’è l’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) e lo stesso tipo di organismo esiste a livello europeo e internazionale”. Per chi avanza perplessità sulla rapidità con cui si sta arrivando al vaccino, Villani sottolinea che “i tempi guadagnati sono dovuti innanzitutto al fatto che tantissimi laboratori e centri di ricerca in tutto il mondo si sono dedicati a questo vaccino, proprio perché c’era in corso una pandemia, e poi perché le metodologie e le tecnologie per produrre vaccini hanno fatto passi da gigante. Ci sono delle innovazioni- spiega il pediatra- che consentono di accorciare quelli che prima erano dei passaggi molto lunghi che dipendevano da procedure dovute a tecnologie che non erano ancora così sofisticate come quelle di oggi”. 

Intervistato poi sull’assistenza ai malati non Covid, in particolare quelli oncologici, Villani sottolinea che “è un problema sicuramente attuale e importante che ha rappresentato una criticità già nel periodo febbraio-maggio, soprattutto quando c’è stato il primo lockdown. Quello che deve essere chiaro, soprattutto ai pazienti- dice il presidente Sip- è che l’aver organizzato in tutta Italia delle strutture per pazienti Covid, con percorsi dedicati, fa sì che sia possibile ricevere cure in piena sicurezza in quelli che saranno o sono i luoghi dedicati ai pazienti non Covid”. Questo “è importante- ribadisce Villani- perché, soprattutto nella fase iniziale della pandemia, il timore rappresentato dalla possibilità di contagiarsi aveva scoraggiato a recarsi in ospedale anche chi aveva patologie croniche o necessità di cure”. Una situazione che “non deve esserci”, ribadisce il pediatra. La realizzazione di percorsi Covid e non Covid “è uno sforzo organizzativo non da poco- sottolinea il presidente Sip- dunque è importante fare tesoro di questa esperienza per programmare in maniera seria un nuovo riassetto del sistema sanitario nazionale”, conclude Villani.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Novembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»