Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tg Politico Parlamentare, edizione del 20 novembre 2020

Ecco i titoli dell'edizione di oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

SCENDE LA CONTAGIOSITA’ IN ITALIA 

Scende a 1.18 l’indice di contagiosita’ a livello nazionale, con la maggior parte delle regioni che si colloca tra i valori 1 e 1.25. Ad attestarlo il Report dell’Istituto superiore di sanita’ sull’andamento del contagio. Dal ministro della salute Roberto Speranza arriva una nuova ordinanza che conferma fino al 3 dicembre le misure per le regioni Calabria, Lombardia, Piemonte e Valle d’Aosta, che restano in zona rossa, mentre Puglia e Sicilia restano in area arancione. Si tratta di misure necessarie, spiega Speranza, perchè sono servite nell’ultima settimana ad abbattere l’indice di contagiosita’. Critico nei confronti della linea del governo il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, che parla di una discussione allucinante sul Natale, e ironizza sulle misure adottate nella sua regione. “La nostra non è una zona rossa, e’ una zona rosè’, dice, alludendo ai mancati controlli di ordine pubblico.

DL RISTORI, DA OGGI LE DOMANDE

Arriva in consiglio dei ministri il decreto ‘ristori ter’, con misure da quasi 1 miliardo e mezzo di euro, destinate alle regioni che sono entrate in area rossa con l’ultima ordinanza. Oltre a questo e’ gia’ in cantiere un quarto decreto ristori, che sara’ votato giovedi’ prossimo e potra’ utilizzare uno scostamento di bilancio da circa 6 miliardi di euro. Servira’ a prorogare la rottamazione delle cartelle e le scadenze di fine anno delle principali tasse. Da oggi, e fino al 15 gennaio 2021, intanto, e’ possibile inviare le domande di accesso ai contributi a fondo perduto previsti dai primi due decreti ‘ristori’. Se ne potranno avvalere i contribuenti che non avevano presentato l’istanza al precedente contributo previsto dal decreto ‘Rilancio’.

BUFERA SU MORRA, ‘PAROLE INDEGNE’

Non bastano le scuse. Il presidente della commissione antimafia Nicola Morra resta in mezzo alla bufera per le sue parole su Jole Santelli e sulla Calabria. “I calabresi hanno quello che si meritano”, ha detto Morra riferendosi al fatto che gli elettori sapevano della grave malattia di cui soffriva la presidente scomparsa. Oggi arrivano le scuse di Morra, che però non convincono nessuno. “Disgustoso”, tuonano da Fratelli d’Italia. “Indegno”, rincara Matteo Salvini, chiedendo a gran voce le dimissioni del senatore. Anche i Cinque stelle prendono le distanze. E nella maggioranza, è Italia Viva che invita Morra a compiere “un gesto di responsabilità”.

L’ALLARME DI COLDIRETTI PER IL NATALE

Il Natale in tempi di Covid mette a rischio 13,5 milioni di alberi di Natale veri e di Stelle di Natale che ogni anno trovano spazio nelle case degli italiani. Lancia l’allarme Coldiretti, dopo che in molte regioni è scattato lo stop alla vendita di piante “a causa di una errata interpretazione del Dpcm del 3 novembre scorso”, denuncia l’associazione agricola. Un danno ‘gravissimo’ che deriva dall’ingiusta chiusura dei garden e delle limitazioni alla vendita al dettaglio di fiori e piante. Il settore, stima la Coldiretti, ha già pagato un conto da oltre 1,5 miliardi di euro per i limiti ai matrimoni, agli eventi e alle cerimonie.

:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»