Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

‘Canzoni d’amore nascoste’, pubblicato il nuovo disco di Fabrizio Moro

Il lavoro contiene nove brani riarrangiati e due inediti
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Fabrizio Moro torna oggi sulla scena musicale e pubblica il disco ‘Canzoni d’amore nascoste’, una raccolta dei brani più romantici della sua produzione, su tutte le piattaforme per Fattoria del Moro distr. Believe. Il cantautore ha selezionato nove delle tracce che ha scritto in questi anni e ha inserito due brani inediti: ‘Nun c’ho niente’ e ‘Voglio stare con te’. Nell’album, come spiega Fabrizio, “ci sono le mie storie più importanti, quelle che sono rimaste irrisolte e quelle da cui sono nati i miei figli. Ci sono le storie che mi hanno fatto male e quelle che mi hanno migliorato come uomo. Ci sono tanti frammenti fondamentali del mio passato- continua il cantautore romano- canzoni che sono rimaste sconosciute al grande pubblico e che ho voluto riarrangiare, riprodurre e soprattutto ricantare con la vita accumulata fino ad oggi”. Il lavoro è stato anticipato da ‘Il senso di ogni cosa’, nuova versione del singolo uscito nel 2009 e dalla ballad ‘Melodia di giugno’, attualmente in rotazione radiofonica. Musica ma non solo per Fabrizio Moro, che sta lavorando anche alla sceneggiatura di un film insieme al regista Alessio De Leonardis. La trama è incentrata sulla vita di un pugile in un quartiere immaginario di Roma. La pellicola nelle sale cinematografiche nel 2021.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»