Scavi Ercolano, maltempo riporta alla luce tunnel borbonico

Lo rende noto il direttore del Parco Archeologico di Ercolano Francesco Sirano. La scoperta a seguito dello smottamento della scorsa notte
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

NAPOLI – Lo smottamento verificatosi nella notte nel parco archeologico di Ercolano (Napoli) ha interessato una porzione del giardino della casa di rilievo di Telefo. Lo rende noto l’ufficio stampa del parco.

“Al momento risultano danni solo di lieve entità“, dice il direttore del Parco Francesco Sirano. Il maltempo e le intense piogge di questi giorni hanno causato uno scivolamento corticale di terreno nella parte sud-est della scarpata del viale che collega la città moderna con la città antica. Circa 150 metri quadrati di superficie interessata si sono riversati nella parte bassa del Parco impegnando il giardino della domus di Telefo.

L’area interessata dalle operazioni di messa in sicurezza “non rientra – fa sapere il parco – nel percorso di visita, dunque le attività, che procedono spedite, non incidono sulla regolare fruizione al pubblico”.

E’ stato già effettuato il rilievo del crollo e, isolata l’area, sono in corso gli accertamenti sull’integrità delle strutture antiche. Il direttore del Parco Archeologico di Ercolano Francesco Sirano, ringraziando “per la rapidità degli interventi e l’operato dei tanti professionisti coinvolti”, sottolinea che il movimento del terreno “ha messo in luce una interessante scoperta: la presenza di un tunnel borbonico che era già stato all’attenzione di Amedeo Maiuri e che comprometteva la staticità della scarpata”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»