NEWS:

Dei gattini per mangiarsi le ‘sardine’: l’ironia social di Salvini che inquieta il web

'Gattini per Salvini', lo slogan lanciato dal leader leghista per rispondere al movimento delle sardine, scatena le risposte degli utenti

Pubblicato:20-11-2019 13:14
Ultimo aggiornamento:17-12-2020 16:38

FacebookLinkedIn

ROMA – Dei ‘gattini’ per mangiarsi le sardine: è questa la trovata social di Matteo Salvini per rispondere al movimento che, piazza dopo piazza, lo sta braccando nel suo tour elettorale dell’Emilia Romagna.

LEGGI ANCHE: FOTO | Piazza Maggiore strapiena di ‘sardine’ anti Salvini: “Bologna non abbocca”

Dopo i successi delle manifestazioni di Bologna e Modena, infatti, le ‘sardine’ hanno iniziato a diffondersi in tutta Italia con gruppi facebook che, nel giro di poche ore, hanno ricevuto migliaia di adesioni.

Ma la risposta del leader del Carroccio non ha tardato ad arrivare: un post su twitter, la foto di un gatto con i bocca una sardina e la frase “cosa c’è di più dolce e bello dei gattini?”.

LEGGI ANCHE: VIDEO | In piazza Grande settemila sardine: “Modena non si lega”

Un post dal successo assicurato, ricondiviso e commentato da migliaia di utenti che, però, non sembrano apprezzare l’ironia salviniana. E tra chi si stupisce che la foto appaia sul profilo ufficiale dell’ex ministro dell’Interno e chi ironizza sulla “fuga” di Salvini da Modena (“Il mio gatto preferisce il capitone, ma a Modena non l’ha trovato. #Salviniscappa”), c’è chi sottolinea: “Anche in un post apparentemente innocuo si cela un messaggio aberrante per i contestatori dell’Emilia Romagna. E’ inquietante, inizio ad avere seriamente paura”.

LEGGI ANCHE: Lega, le ‘sardine’ nuotano fino a Roma: nasce il gruppo facebook

Cosa c’è di più dolce e bello dei gattini? ?
P.s. Ai vostri bambini felini piacciono sardine e pesciolini? Mettete la foto nei commenti! Miao! ?#gattiniconSalvini pic.twitter.com/3tERmjS1rM

— Matteo Salvini (@matteosalvinimi) November 19, 2019

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte Agenzia DIRE e l’indirizzo www.dire.it


FacebookLinkedIn