VIDEO ESCLUSIVO | Roma, case popolari in vendita a 30mila euro: ecco gli annunci ‘saltafila’ online

Sembra troppo facile, ma è così. Su un noto portale di acquisti e vendite, ecco spuntare un annuncio. In "vendita" alla cifra di 30mila euro c'è un appartamento.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Condividi l’articolo:

ROMA – Serve una casa popolare? A Roma per averla bastano circa 30mila euro e non occorre occupare o rivolgersi alla malavita, basta navigare su internet e dare un’occhiata ai siti di compravendita online. Con un po’ di attenzione, monitorando gli annunci per qualche tempo, ecco saltar fuori ‘l’affare’: una corsia preferenziale, che euro alla mano permette di scavalcare le oltre 10mila persone in attesa di una casa popolare.

Sembra troppo facile, ma è così. Su un noto portale di acquisti e vendite, ecco spuntare un annuncio. In “vendita” alla cifra di 30mila euro c’è un appartamento. Ci siamo finti un cittadino interessato e dopo avere mandato un messaggio al titolare dell’annuncio, ecco cosa abbiamo scoperto. Quando qualcuno risponde al messaggio si viene indirizzati su un numero di telefono a cui risponde quella che si autodefinisce la ‘proprietaria’.

Sarebbe meglio incontrarci per parlare dell’appartamento“, spiega subito, poi davanti ad un po’ di diffidenza il velo cala: “La casa è di un ente”. Parlando si scopre che la zona in cui si trova l’appartamento, di circa 50 metri quadrati, è Tor Bella Monaca e ‘l’ente’ in questione è in realtà il Comune di Roma. Alla domanda: “E’ una casa popolare?”, la risposta è: “Esatto. Capisci a me…”.

Ma come è possibile? Il trucco è presto svelato: “Si può fare perché- specifica la donna- sono assegnataria dell’appartamento. Non ci sono problemi”. Poi spiega meglio come ‘aggirare’ la regola: bisogna fingere di essere una coppia che convive. In pratica il subentrante cambiando la residenza va a risultare sullo stato di famiglia dell’assegnatario.

Poi “la casa va a nome tuo perché una volta che prendi la convivenza, io levo la mia e rimane la tua. Ovviamente al Comune, vai e dici: ‘Guarda quella persona che stava con me, purtroppo se n’è andata via’”. Come a dire: l’amore non può essere per sempre, ma la casa popolare sì.

Possibile? Davanti a qualche dubbio l’interlocutrice telefonica rimarca la valenza dell’affare: “Pagare 30 euro al mese è poco… Chi te la dà?”. L’affare sembra perfetto. Nemmeno la stretta sugli sgomberi sembra preoccupare la nostra interlocutrice: “Viene sgomberato chi occupa, chi non paga”, spiega l’assegnataria che lascia intendere che per chi convive e poi si lascia non ci sono problemi.
E poi aggiunge: “Ma che ti pensi che sei il primo?”. Una curiosità: “Perché lo faccio? Vado a vivere a Viterbo”.

Insomma l’affare è possibile. Occorre solo non pensarci troppo perchè “questa casa la vogliono in duecento”, specifica l’assegnataria che parla da proprietaria. Ed è facile crederle. L’annuncio dopo qualche giorno scompare. Forse qualcuno ha sborsato la somma. Ne restano altri: uno adesso sfacciatamente propone ‘Alloggio popolare ad Acilia’… prezzo 24mila euro.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»