Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Minori, Boschi: “Bambini tutti uguali, no alla lotteria dei diritti”

Per i bambini 'non può esistere una lotteria dei diritti o delle possibilità, dobbiamo partire tutti dalla stessa linea'.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print


FIRENZE – Per i bambini “non può esistere una lotteria dei diritti o delle possibilità, dobbiamo partire tutti dalla stessa linea”. Lo spiega Maria Elena Boschi, il sottosegretario alla presidenza del Consiglio, in apertura del convegno “Bambini, d(i)ritti verso il futuro”, organizzato all’Istituto degli Innocenti di Firenze e dal dipartimento per le Pari opportunità in occasione dell’approvazione della convenzione Onu sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza (20 novembre 1989).

“Se siamo ambiziosi- continua- sui diritti dei bambini, che sono quelli più importanti, non possiamo sognare in piccolo. Possiamo invece fare la nostra piccola parte per rendere ogni giorno più felici i bambini”.

In questo sforzo, aggiunge Boschi, è necessario pensare a quei bambini che in alcune aree del pianeta “vivono quotidianamente delle gravi difficoltà. Penso al cibo, l’acqua, la difficoltà nel reperire i vaccini per malattie banali, o nell’andare a scuola. Bambini mandati in guerra, abusati”. E, prosegue il sottosegretario, “dobbiamo pensare anche al nostro Paese, alle situazioni di difficoltà e disagio presenti anche qui“.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»