Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Veltroni: “Andare divisi un errore, a sinistra rimarranno solo macerie”

Veltroni 'prende atto' della posizione espressa ieri da Bersani: 'Se vince il centrodestra tutta la sinistra dovra' fare considerazioni abbastanza amare'
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

 

ROMA – “Se il probelma e’ regolare i conti a sinistra rimarranno solo delle macerie, il rischio e’ molto elevato”. Lo dice Walter Veltroni intervistato a Sky Tg24, dopo che, nella giornata di ieri, le assemblee di Sinistra Italiana e Mdp hanno chiuso a ogni ipotesi di alleanza con il Partito Democratico.

“Il Pd- aggiunge Veltroni- per la prima volta nella storia e’ stato un partito che e’ nato per fusione e non per separazione. A sinistra c’e’ questo demone che la macera, doversi sempre dividere e introiettare il principio del tanto peggio tanto meglio. Si sa che andando divisi e’ difficile competere, ma si considera ineluttabile ed e’ un grave errore perche’ non corrisponde al sentimento di milioni di persone di sinistra che vorrebbero una convergenza“.

Matteo Renzi l’ostacolo che impedisce l’alleanza a sinistra?

“Se fosse solo questo sarebbe sbagliato, è stato il segretario del loro partito fino a qualche mese fa e ora è diventato il nemico”, prosegue l’ex segretario dem. “Anche io ho sempre detto che Renzi deve essere più capace a includere, ma a sinistra si pensa che il nemico sia a sinistra mentre dovrebbe guardarsi e dire come evitare che la destra vinca…”.

Colpa di Renzi e Bersani?

“Non do voti a nessuno, dico solo che si è messa in moto una dinamica non positiva. Io sono legato all’idea iniziale del Pd, di un partito a vocazione maggioritaria che non si isola ma punta a conquistare la maggioranza degli elettori”.

E la posizione espressa ieri da Bersani?

“Prendo atto”. La sua, “dopo gli appelli di Prodi, il mio, penso sia “una posizione secca, molto netta e sinceramente non vedo cosa possa portare in positivo“. C’e’ l’impegno “a vedersi dopo le elezioni”, pero’ bisogna anche vedere “in quale scenario ci si trova. Se vince il centrodestra penso che tutta la sinistra” dovra’ fare “considerazioni abbastanza amare”.

 

LEGGI ANCHE: Speranza: “Basta con questo teatrino sulla coalizione. Noi alternativi, Renzi il passato”

 

“OSTIA, ALLARMANTE DISTACCO ELETTORI, VINCE LA PAURA”

Ormai e’ “un trend consolidato, a Ostia si e’ vinto con il 17 per cento di chi ha il diritto di voto. Un fenomeno che abbiamo visto anche in Sicilia: vota un terzo degli elettori e vedo che la cosa non preoccupa nessuno. Il dato piu’ allarmante e’ che c’e’ un distacco, una separazione, una lontananza che neanche le nuove suggestioni di tipo competitivo riescono a saldare”.

Per Veltroni questo fenomeno si supera se “si riesce ad attivare una motivazione, una speranza ad accendere una emozione. Oggi e’ prevalente la paura, un sentimento che induce all’arroccamento, alla chiusura in se stessi. Se vince la paura i rischi per la società sono molto grandi”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»