Referendum, Renzi: “Cittadini, vi vogliono fregare parlando d’altro”

Il premier: "Dicono continuamente che c'è una pecca negli ingranaggi, senza dire quale. E se vince il no non ridurranno i parlamentari"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

renzi

ROMA – “Qui ho sentito parlare di povertà e del governo, Landini motiva il suo no al referendum con il Jobs act e la legge elettorale. Ma tutto questo non c’entra, il 4 dicembre si vota sulla riduzione dei parlamentari e dei costi della politica“. Così il premier Matteo Renzi durante il confronto con il segretario della Fiom, a 1/2h su Raitre. “Vi vogliono fregare– continua Renzi guardando fisso l’obiettivo della telecamera- i cittadini dovranno decidere se farsi fregare da chi continuamente dice che c’è una pecca negli ingranaggi senza spiegare quale, ma se vince il no poi non ci sarà nessun cambiamento, nella prossima legislatura non ridurranno i parlamentari”.

Nel finale del programma il presidente del Consiglio alza un po’ i toni: “Capisco che Landini è contrario alla riduzione dei senatori, è preoccupato per i disoccupati”, attacca. E ancora: “Per il fiscal compact in costituzione, contro Monti, avete fatto 4 ore di sciopero in totale, non vi ho visti così emozionati. A me 4 ore di sciopero li fate per come mi pettino la mattina“, conclude.

di Luca Monticelli, giornalista professionista

LEGGI ANCHE:

Referendum, Renzi: “Accozzaglia? Mi scuso, se ho offeso”. Su Rai3 tensione con Landini

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»