Su aeroporto di Cagliari il Governo vuole una decisione, Piscedda: Ho scritto a Pigliaru

Sull'aeroporto di Cagliari è arrivato
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Aereo che decolla

Sull’aeroporto di Cagliari è arrivato il momento di decidere. “È purtroppo arrivata l’infausta lettera con cui il ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti chiede al presidente della Regione di esprimere in via definitiva il proprio parere, positivo o negativo, sul Piano di sviluppo dell’aeroporto di Cagliari-Elmas. Ieri ho scritto a Pigliaru, pregandolo di rispettare il diritto dei cittadini masesi a vivere in un ambiente il più salubre possibile, e di respingere quindi il Piano di sviluppo per la sola parte in cui prevede l’espansione dell’aeroporto verso il centro abitato di Elmas”. Così il sindaco di Elmas e consigliere regionale del Pd Valter Piscedda, dopo la missiva con la quale il Governo chiede alla Giunta sarda di prendere una decisione definitiva sul Piano di sviluppo dell’aeroporto di Elmas, l’ex frazione di Cagliari sul cui territorio si trova appunto lo scalo più grande della Sardegna.

Da mesi Piscedda conduce una battaglia contro l’espansione dell’aeroporto verso il centro abitato, pretendendo una rimodulazione del progetto. “Stiamo chiedendo solo una piccolissima modifica a quel piano, che non pregiudica affatto il futuro sviluppo dell’aeroporto”, continua il sindaco, spiegando poi che recentemente ha avuto un incontro con il ministro alle Infrastrutture Graziano Delrio, “che mi ha garantito che sosterrà la posizione della Regione Sardegna, qualunque essa sia”. La decisione finale “è quindi ora in mano al presidente Pigliaru- conclude Piscedda-. Voglio ancora credere in lui e fidarmi, nonostante la delibera 12/40 del 2015 con cui la Giunta Regionale ha sostanzialmente avvallato la previsione espansionistica”.

Di Andrea Piana – Giornalista

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»