Terrorismo, Giannini: “Bene la manifestazione ‘Not in my name’. Dai giovani parta il messaggio contro la violenza”

ROMA - "Profondamente convinta che dai giovani, in
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

stefania gianniniROMA – “Profondamente convinta che dai giovani, in particolare dalla scuola e dall’universita’, parta un messaggio forte di contrasto al tema della violenza, ma anche al tema della paura, che potrebbe essere la risposta piu’ pericolosa alla violenza. Dobbiamo, quindi, costruire le nostre vie del sapere, della conoscenza, ma anche della responsabilizzazione di quella parte di Islam moderato che dice ‘Not in my name‘ e deve dirlo tutti i giorni, nelle scuole, nella responsabilizzazione a prendere le distanze”. Lo ha detto il ministro dell’Istruzione, Universita’ e Ricerca, Stefania Giannini, a margine di un evento sulla sicurezza sulle scuole.

“Dobbiamo creare un processo integrato di progressiva consapevolezza che ci sono valori che dobbiamo non tanto difendere quanto riaffermare””, ha aggiunto Giannini, che sulla manifestazione di domani ‘Not in my name’ ha aggiunto: “E’ un atto fondamentale, non puo’ esserci un occidente che riflette e costruisce la nuova via e un Islam che rimane passivo, ci dev’essere una partecipazione da entrambe le parti. Il Mediterraneo e’ un mare, non possiamo far si’ che sia in guerra da una parte e in pace dall’altro”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»