Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Il Parlamento europeo chiede standard minimi per artisti e lavoratori culturali

Lavoratori arte e spettacolo genova
Gli eurodeputati hanno approvato una risoluzione che chiede misure per sostenere il settore, tra i più colpiti dalla pandemia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Di Alessio Pisanò

STRASBURGO – Il Parlamento europeo ha approvato una risoluzione che chiede standard sociali minimi per artisti e lavoratori culturali, una delle categorie più colpite dagli affetti della pandemia. Nel dettaglio, gli eurodeputati chiedono misure per sostenere il settore, tra cui la facilitazione della mobilità transnazionale con programmi dedicati ai giovani innovatori e creativi, la revisione dei requisiti per i visti, la tassazione e la sicurezza sociale, oltre al riconoscimento transfrontaliero dei titoli di studio artistici.

Nel testo si legge che nel 2020, il settore culturale e creativo dell’Ue ha subito perdite di fatturato di oltre il 30%, una perdita cumulativa di 199 miliardi di euro, con i settori della musica e delle arti dello spettacolo che hanno subito perdite rispettivamente del 75% e del 90%.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»