Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Quella dei bambini in sovrappeso è ormai “un’epidemia”. E crescono le patologie

bambino_grasso_sovrappeso
Da una ricerca è emerso che il 10% dei bambini in età scolare è obeso: il rischio è sviluppare il diabete o altre pateìologie gravi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

“Il sovrappeso in età scolare ha raggiunto in Italia dimensioni epidemiche: una recente indagine su 50mila bambini ha riscontrato un eccesso ponderale nel 30% degli scolari: un 20% risultano in sovrappeso e ben il 10% sono francamente obesi, provocando l’incremento di gravi patologie, come il diabete e le malattie cardiovascolari e respiratorie“. Così il presidente di Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), Carlo Gaudio, in occasione del protocollo d’intesa siglato con Sport e Salute alla presenza del ministro per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Stefano Patuanelli.

LA SITUAZIONE È PEGGIORATA CON LA PANDEMIA

“I quasi due anni di pandemia- ha aggiunto Gaudio- hanno aggravato ancor di più questi numeri, allontanando i giovani e gli adulti dall’attività fisica e generando effetti ansiogeni con conseguente maggior assunzione di carboidrati e grassi. È necessario oggi invertire rapidamente la tendenza. Crea e Sport e Salute vogliono dare- aggiunge- un grande contributo e un importante segnale: riprendere congiuntamente stili di vita corretti, con una sana e varia alimentazione e un regolare esercizio fisico, potrà certamente dare un contributo essenziale non solo per il controllo del peso, ma anche per la salute e il benessere psico-fisico di ragazzi, giovani e adulti. E proprio da questa convinzione è nata l’iniziativa del protocollo d’intesa con Sport e Salute. Intendiamo unire le forza per promuovere stili di vita più sani, sin dalla scuola dell’obbligo, mediante campagne educative, formazione e ricerca”.

COZZOLI: INSIEME A CREA PREVENIRE SOVRAPPESO FRA PIÙ GIOVANI

“Per corretti stili di vita, una delle missioni scritte nel dna di Sport e Salute, intendiamo sicuramente un Paese con più sport e più praticanti anche per prevenire problemi di salute nei più grandi e il tema del sovrappeso tra i più giovani”. Così il presidente e ad di Sport e Salute, Vito Cozzoli, che oggi ha presenziato alla firma del protocollo d’intesa con Crea (Consiglio per la ricerca in agricoltura e l’analisi dell’economia agraria), alla presenza del ministro per le Politiche Agricole, Alimentari e Forestali, Stefano Patuanelli.
“Con questo accordo- continua Cozzoli- vogliamo unire il grande lavoro dell’Istituto di Medicina dello sport a favore della prevenzione e la nostra campagna ‘Una goccia di sport’, rivolta ad avere una maggiore cura del corpo, alla competenza del Crea per lo stile alimentare, la nutrizione, l’educazione al cibo sano. Insomma, più benessere attraverso lo sport”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»