Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

All’Unit presentazione del libro ‘Le Sindache d’Italia’, sulle donne che hanno fatto il Paese

sindache-ditalia
Racconta le loro indispensabili battaglie dentro e fuori le Istituzioni. Scritto da Andrea Catizone
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Oggi alle 11. 30 presso l’Università Internazionale degli Studi di Roma verrà presentato il reality book ‘Le Sindache d’Italia’. Il volume ripercorre con vivacità e precisione documentale le vite di tante donne che hanno fatto l’Italia, attraverso le loro indispensabili battaglie dentro e fuori le istituzioni, e che ci ricorda oggi le cose ancora da fare, le tante battaglie e le riforme incompiute che dobbiamo ancora affrontare per giungere all’eguaglianza dei generi. A cominciare dalle pari opportunità nella vita economica e nel lavoro, dall’innalzamento dell’occupazione femminile, gravemente e ulteriormente minata dalla crisi sanitaria generata dalla pandemia; dall’equità salariale.

All’evento interverranno Andrea Catizone, autore del libro; Mariagrazia Russo, Preside della Facoltà di Interpretariato e Traduzione Unint; Ciro Sbailò, Preside della Facoltà di Scienze della Politica e delle Dinamiche Psico-Sociali- Unint; Pino Pisicchio, docente Unint di Diritto e spazio pubblico e di Ordinamenti giuridici e gestione dei flussi migratori. A moderare sarà Andrea Alicandro.

QUI LA DIRETTA DELL’EVENTO

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»