A Napoli la didattica si fa al balcone, l’iniziativa del maestro Stornaiuolo

Passa sotto le finestre dei propri alunni e, partendo dalla lettura delle favole di Gianni Rodari, fa lezione a tutto il vicinato
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

di Flavio Russo

NAPOLI – Non solo proteste e recriminazioni contro la scelta del governatore della Campania Vincenzo De Luca di chiudere le scuole fino al prossimo 30 ottobre. A Napoli nascono forme di insegnamento alternativa alla Dad, la didattica a distanza, per garantire agli studenti la continuità negata dall’emergenza sanitaria. É il caso della Dab, la didattica ai balconi, messa in campo dal maestro Tonino Stornaiuolo: tra le strade della città Stornaiuolo, insegnante di storia e geografia di una quinta elementare alla scuola ‘Dalla parte dei bambini’, passa sotto le finestre dei propri alunni e, partendo dalla lettura delle favole di Gianni Rodari, fa lezione a tutto il vicinato.

“Era qualcosa che già avevo in testa da un po’ – racconta alla Dire Stornaiuolo -. La scuola dove insegno ha un’impostazione fondata sul portare il più possibile la didattica fuori dalle aule e nell’immaginare forme di insegnamento alternative. Da lunedì scorso – prosegue – stavo lavorando su Gianni Rodari, in occasione dei 100 anni dalla nascita che si celebreranno il prossimo 23 ottobre”. Poi giovedì seguente è arrivata l’ordinanza che chiude tutte le scuole campane: “Sono cominciati ad arrivarmi i messaggi dei bambini sconsolati per la chiusura delle scuole – ricorda il maestro – e quindi ho deciso di fare qualcosa per loro e per me, perché la mia paura era quella di non poter vedere i bambini per 5 o 6 mesi, come già successo, non volevo accettarlo”. E così ieri Stornaiuolo ha preso i libri di Rodari che stava leggendo ai ragazzi e, zaino in spalla, è andato a fare lezione: “Mi sono organizzato con i genitori e abbiamo fatto questa sorpresa ai bambini per i vicoli di Napoli. Abbiamo letto ‘Telegramma’ e ‘La fuga di Pulcinella’ – aggiunge -, due testi che hanno come filo conduttore il tema della libertà. Il compito che è toccato ai ragazzi è stato scrivermi cosa fosse per loro la libertà e di raccontare il giorno che si sono sentiti particolarmente liberi nella loro vita. Oggi, che è cominciata la didattica a distanza, mi hanno mandato i loro lavori. Però poi mi hanno chiesto di uscire di nuovo dai balconi, anche quando si tornerà a scuola, perchè gli è piaciuto molto“.

L’iniziativa di Stornaiuolo è stata apprezzata anche dagli abitanti del vicinato, interessati e sorpresi per questo maestro che canta e declama versi sotto le finestre. Il successo della didattica ai balconi è stato tale che il prossimo giovedì 22 ottobre le lezioni si trasferiranno sui tetti della Fondazione Foqus per leggere Rodari a tutte le scuole che vorranno partecipare. “Per ricordare lo scrittore – conclude Tonino Stornaiuolo -, ma anche per dirci che in fondo fare qualcosa, anche in questi giorni, è ancora possibile”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»