Bonetti: “Lombardia preoccupa, evitare chiusura scuole e imprese”

La ministra di Italia Viva auspica "interventi mirati" e non "chiusure che vanno a ingessare il sistema e creare danni che non possiamo permetterci"
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Non siamo nella situazione di febbraio, oggi chiudere scuole e attività produttive sarebbe la cosa peggiore, per la Lombardia e per tutti“. Lo dice la ministra della Famiglia Elena Bonetti, commentando a RaiNews24 il coprifuoco lombardo.

“INTERVENTI MIRATI, NO CHIUSURE CHE CREANO DANNI”

Dice Bonetti: “Più delle misure mi preoccupa la situazione in Lombardia, senza allarmismi bisogna guardare i dati, deve esserci massima attenzione, esprimo piena solidarietà e collaborazione con il governo regionale”. Resta, però, secondo la ministra di Italia Viva, la necessità di “mantenere lo spirito di interventi mirati, evitando chiusure che vanno a ingessare il sistema, creando danni che non possiamo permetterci”.

LEGGI ANCHE: Coronavirus, la Lombardia chiede il coprifuoco dalle 23. Speranza: “Ok a misure più restrittive”

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Ottobre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»