Minori, firmato protocollo tra la prefettura di Potenza e Unicef Italia

Nell'ambito dell'accordo verranno promossi: la ricerca sui minori stranieri non accompagnati, il monitoraggio sui flussi migratori e la sensibilizzazione e formazione sui temi delle migrazioni
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

POTENZA – È stato firmato oggi a Potenza dal prefetto Annunziato Vardè e dalla presidente del comitato regionale Basilicata per l’Unicef, Angela Granata, l’accordo di programma tra prefettura e Unicef Italia, della durata di tre anni, per il programma di difesa e tutela dei diritti dell’infanzia e dell’adolescenza, con la finalità di svolgere insieme una funzione di presidio in rete con altri enti e istituzioni.

“Il presidio territoriale che andiamo a formalizzare oggi – ha sottolineato il presidente dell’Unicef Italia, Francesco Samengo, in collegamento video – va nella direzione di costruire realtà di prossimità che sappiano intercettare i bisogni di bambini e adolescenti che, se anche vengono da molto lontano, sono vicinissimi a noi”. Nell’ambito dell’accordo verranno promosse diverse azioni: proseguimento della ricerca sui minori stranieri non accompagnati, monitoraggio sui flussi migratori, sensibilizzazione e formazione sui temi delle migrazioni dei minori destinato agli operatori delle strutture, ai docenti, ai sindaci dei Comuni interessati, oltre ad un incontro annuale di sensibilizzazione e formazione per il personale delle strutture di accoglienza.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»