Renzi: “Dalla Leopolda nessun ultimatum al governo”

Il leader di Italia Viva dal palco della Leopolda sottolinea: “Non vogliamo staccare la spina a nessuno"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Dire qualcosa di positivo e proporre idee non è lanciare ultimatum, ma fare politica. Dire che non bisogna tartassare le partite Iva non vuol dire che si sta dando un ultimatum. Da questo salone non è arrivato un solo ultimatum al governo“. Così Matteo Renzi dal palco della Leopolda che sottolinea: “Non vogliamo staccare la spina a nessuno, il treno della legislatura arriva al 2023”. 

“Evitiamo i balzelli come la sugar tax e l’aumento sulle partite iva. Questo argomento che ci ha portato a discutere col Pd. Io non voglio fare polemiche, ma su alcuni temi c’è una distanza. A cominciare dal fatto che in Italia non si puà aumentare la pressione fiscale”. 

Poi Renzi si rivolge al Premier Giuseppe Conte: “Siamo felici che tu, presidente del Consiglio, abbia cambiato idea rispetto allo scorso anno” ma “il problema non è il contante ma le detrazioni“.

“Chi è passato da questo luogo non ha mai firmato un condono”, conclude Renzi, “se vuoi combattere l’evasione fiscale e chiedi alle forze politiche di maggioranza se sono d’accordo, vorrei presentarti il luogo dove è nata la grande scommessa della fatturazione elettronica, lo scontrino digitale, è la Leopolda”, e “le iniziative nate qui sono quelle che hanno portato all’emersione di 15 miliardi di sommerso”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»