Cosa c’è di meglio che navigare su un sito ‘hot’ mentre fuori si scatena un uragano?

Mentre l'uragano Ophelia devastava l'Irlanda, Pornhub registrava il picco di accessi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Cosa c’è di meglio che navigare su un sito ‘hot’ mentre fuori si scatena un uragano?

Il 16 ottobre scorso l’uragano Ophelia ha colpito l’Irlanda, seminando terrore, causando morti e costringendo il Paese a rintanarsi dentro casa. “Rimanete in casa e uscite solo se strettamente necessario fino a che la tempesta non sarà passata”, l’appello lanciato più volte dal primo ministro irlandese Leo Varadkar.

Detto, fatto. E allora gli irlandesi hanno preso d’assalto Pornhub, il noto sito di video porno gratuito. Che in un report di oggi ha diffuso i dati sul traffico web prodotto sull’isola.

Alle 2, infatti, è salito del 48% sopra la media, mentre tra le 8 e le 16 ha fatto registrare un +53%. Fino al più ‘normale’ +10% della serata.



Ma chi sono stati gli irlandesi dai ‘bollenti spiriti’?

Secondo Pornhub, al mattino il traffico è stato soprattutto femminile, un +53% rispetto al solito, poi gli uomini, alle 3: +68%.

Per quanto riguarda l’età media, c’è stato un aumento del 50% alle 2 di notte di internauti tra i 18 e i 34 anni, mentre i più grandi, oltre i 35 anni, sono aumentati del 66% dopo le 4.

Intanto fuori imperversava Ophelia…

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»