Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Al via la prima campagna archeologica sul ‘Traes’

Il progetto è di redigere la carta archeologica e la conseguente carta del rischio archeologico comunale
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

crosia_traesCOSENZA  – Valorizzare adeguatamente le risorse culturali e ambientali, con l’intento di riappropriarsi del patrimonio identitario di un comprensorio fortemente intriso e connotato di storia. Allo stesso tempo, censire tutte le evidenze antropiche antiche nel territorio di Crosia, per redigere la carta archeologica e la conseguente carta del rischio archeologico comunale. Dotando così gli amministratori di un importante strumento per la corretta gestione del territorio e di una base documentaria necessaria per la salvaguardia e la difesa delle emergenze censite.

Hanno preso il via lo scorso lunedì 10 ottobre (e si protrarranno per 4 settimane) le attività di indagine topografica di superficie nel Comune di Crosia. Il progetto di ricerca, sotto la direzione scientifica del docente di Topografia antica dell’Università della Calabria, Armando Taliano Grasso, è stato autorizzato dalla Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le province di Catanzaro, Cosenza e Crotone, e fortemente voluto dal sindaco Antonio Russo e dall’Amministrazione comunale di Crosia, che si sono fatti carico dell’ospitalità del nutrito gruppo di studenti che parteciperanno alle ricerche, insieme ad archeologi professionisti, provenienti da diverse università italiane (Messina, Napoli ‘Federico II’, Roma ‘La Sapienza’, Firenze).

Come testimonia il logo del progetto, la moneta raffigurante la divinità fluviale del Traes (antico idronimo del fiume Trionto), il comprensorio è fortemente intriso e connotato di storia.

Dal conflitto tra le potenti città achee di Sibari e Crotone, che ha avuto proprio come scenario finale le rive del fiume, alla fondazione di Sibari del Traes e alla successiva presenza capillare dei Brettii, con i loro monumentali centri fortificati, e dei Romani. Gli studenti che parteciperanno al progetto utilizzeranno tutte le attrezzature comunemente impiegate nella moderna ricerca in campo archeologico-topografico (tra cui lo strumento GPS differenziale) e prenderanno parte, nei locali messi a disposizione dall’Amministrazione comunale nel centro storico di Crosia, anche a tutte le attività di laboratorio (lavaggio, siglatura, immagazzinamento dei reperti, inventariazione preliminare, catalogazione, disegno tecnico, informatizzazione, elaborazione Gis, primi interventi conservativi).

Questa fase di ricerca è un importante tassello di una più vasta e sistematica mappatura del territorio dell’ex Comunità montana Sila Greca – iniziata nel 2010 dall’Insegnamento di Topografia antica dell’Università della Calabria, che consentirà, a conclusione del progetto, di ricostruire il paesaggio archeologico nella sua complessità diacronica e sincronica all’interno dei più ampi processi e fenomeni storici di questa importante porzione della Calabria ionica.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»