Mafia Capitale, Sabella: “Il Comune si è costituito parte civile”

Lo scopo della costituzione di parte civile e' ottenere il risarcimento dei danni morali, materiali e funzionali.
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Il Comune di Roma si è costituito parte civile in questo primo processo del filone Mafia Capitale che riguarda alcune ipotesi di reato, soprattutto quelle ascrivibili all’ex dg di Ama, Giovanni Fiscon. Lo scopo della costituzione di parte civile e’ ottenere il risarcimento dei danni morali, materiali e funzionali. Soprattutto questi ultimi perché sono le funzioni statutarie che Roma Capitale ha nei confronti di propri cittadini. Dobbiamo raggiungere questo obiettivo”. Così l’assessore alla Legalità, Alfonso Sabella, all’uscita dalla Città giudiziaria dove ha rappresentato Roma Capitale nell’udienza preliminare sul primo processo relativo a Mafia Capitale.

A. Sabella
A. Sabella

“La costituzione di parte civile e’ di Roma Capitale, non di Ignazio Marino, e questa è rappresentata da un assessore delegato o dal sindaco in carica- spiega Sabella-. Quindi non c’è nulla di strano ne’ di nuovo. È tutto normale. Tra l’altro sarebbe stato il mio compito, perché quello di assessore alla Legalità rientra tra le mie deleghe”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»