Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dietrofront Palombelli: “Mie parole sbagliate, mi scuso. Ma troppo odio contro di me”

barbara palombelli
La conduttrice di Forum torna sulle sue parole sul femminicidio: "Non mi sono spiegata bene ed è giusto scusarsi. Ma in questo Paese si montano ondate di odio e insulti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Io non mi sono spiegata bene, anche se chi ha visto tutta la causa ha capito perché era una causa sulla rabbia al femminile, con una psicologa in studio, con tutto ciò che poteva fare da contorno a questo tema. Io non mi sono spiegata bene e quindi mi sono scusata con il pubblico e con l’azienda, se uno sbaglia a parlare sbaglia. Non ho autori, non ho auricolari, quindi ho sbagliato io e mi sono scusata”. Così Barbara Palombelli su Rtl 102.5, in merito alle polemiche sul femminicidio nate la scorsa settimana dopo le sue parole in una puntata di ‘Forum’ e della bufera social scatenata dalla vicenda. Anche la ministra per le Pari opportunità e la Famiglia, Elena Bonetti, aveva risposto alla conduttrice spiegando che la violenza contro le donne “non ha mai motivazioni”.


“Il senso – ha aggiunto Palombelli -, che molti hanno capito perché ho avuto anche una valanga di solidarietà, è che l’importante è capire cosa accade prima del femminicidio, con quali meccanismi i violenti da entrambe le parti si possano bloccare ed arginare prima di questo terribile esito fatale. Questo mi sembra un tema di grande interesse perché altrimenti non resteremmo lì tutta la vita a contare le scarpette rosse. Ci dobbiamo domandare cosa succede in un rapporto se il tuo amore diventa il tuo aggressore o addirittura il tuo assassino. Io mi sono spiegata male, mi sono scusata ma la domanda di fondo è: quali comportamenti possiamo bloccare prima che la rabbia diventi violenza? È questo il tema che mi interessa, colpa mia se non mi sono spiegata bene, diverso è quello che poi si è scatenato”.


Sulla bufera social e sui toni di odio utilizzati in rete nei suoi confronti, Palombelli ha spiegato: “Faccio un paragone, ne ha parlato anche Aldo Grasso, è come quello di cui è stata oggetto Loretta Goggi, una persona specchiata, non so nemmeno per che cosa. Questa è una cosa che preoccupa perché io mi posso difendere grazie alla mia storia, e poi ho una mia corazza, ma tante persone possono rimanere schiacciate, pensate alle ragazzine. Il tema del bullismo online è un tema importante e lo affrontiamo tanto anche a Forum”.


La conduttrice è poi tornata sul discorso che sta, secondo lei, a monte della questione e di cosa sarebbe utile fare: “Dobbiamo capire cosa succede nella mente di queste persone, quali sono i comportamenti giusti per disinnescare la rabbia. Quali terapie, quali cure, quali meccanismi di difesa possono essere azionati prima del femminicidio. Io credo che il deterrente della pena non sia sufficiente perché come avete visto moltissime di queste persone si tolgono la vita. Possiamo lavorare sulla pena – ha proseguito Palombelli -, tutti quei temi che riguardano i giuristi e che non posso essere io a deciderlo. Ma il tema vero è: che tipo di rapporto si insatura tra la vittima e il carnefice. Secondo me non si può dire ‘non ne parliamo’ per rispetto alle vittime, anzi va fatto proprio per rispetto alle vittime”.


Palombelli ha poi concluso raccontando l’insegnamento avuto da questa vicenda che, secondo lei, parla molto dell’Italia: “A livello personale credo che bisogni imparare da tutto, bisogna stare attenti ad usare le parole e questa è stata una mia mancanza. Però bisogna anche imparare a capire cosa sta accadendo in questo Paese dove, da un lato si pensa che sia diventato il Paese più permissivo del mondo dove tutti possono fare tutto, dall’altro senza chiedere, senza chiarire si montano queste ondate di odio e di indignazione, di insulti. È una cosa che è capitata ad altri prima di me e capiterà ad altri dopo ma da giornalista voglio interrogarmi anche sui limiti di questo sistema. La violenza che è stata esercitata, l’istigazione all’odio contro di me, racconta anche quello qualcosa su questo Paese, c’è sempre da imparare”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»