È morta Rossana Rossanda, fondatrice de ‘il manifesto’

La giornalista aveva 96 anni, il giornale la ricorderà con il numero in edicola martedì
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “E’ morta nella notte a Roma la nostra Rossana Rossanda. Aveva 96 anni”. Lo fa sapere ‘il manifesto’, che aggiunge: “Ricorderemo la nostra fondatrice sul giornale in edicola martedì”.

ZINGARETTI: CI HA INSEGNATO IL VALORE DEL PENSIERO CRITICO

“Addio alla ragazza del secolo scorso che ci ha insegnato il valore del dissenso e del pensiero critico. Ci lascia una grande eredità: che cultura e politica non possono essere mai disgiunti, che libertà individuale, giustizia sociale e uguaglianza avanzano insieme, e che per questi ideali vale la pena spendere una vita”. Così Nicola Zingaretti, su facebook.

AMENDOLA: GRAZIE PER OGNI PAROLA SCRITTA…

“Addio a Rossana Rossanda, la ragazza del secolo scorso. Grazie per ogni parola scritta che ci ha aiutato sempre a vedere al di là del nostro sguardo”. Così, su twitter, il ministro per gli Affari europei, Enzo Amendola ricorda Rossana Rossanda.

FRATOIANNI: HA FATTO PARTE DI TUTTA LA MIA VITA

“Rossana Rossanda è entrata nella mia vita prima ancora che nascessi col Manifesto, che mio padre aveva contribuito a fondare. Prima la Rivista nel ‘69 e poi il quotidiano dal ‘71 sono stati una presenza costante nella nostra casa. Ha continuato a farne parte nelle riunioni piene di fumo del PdUP a cui mi portavano i miei genitori da piccolo e poi, per molto tempo, mi ha accompagnato negli anni della formazione con i suoi editoriali, i suoi articoli, le sue interviste. Una intellettuale comunista, rigorosa, lucida e curiosa. Grazie di tutto”. Lo scrive su Facebook il portavoce nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Settembre 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»