Sondaggio Dire-Tecnè: “Su la Lega, Renzi fa male al Pd”

Il Pd oggi ha il 19,4% dei consensi rispetto al 23,6% della scorsa settimana. E più della metà degli italiani dichiara di non avere fiducia nel nuovo governo
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – La Lega di Matteo Salvini continua a crescere nei consensi, mentre Matteo Renzi, uscito dal Pd, con il suo partito Italia Viva si prende un secco 3,6%. La mossa di Renzi penalizza il Pd che ora scende al 19,4% e viene superato dal M5S adesso al 20,5%. Sono i dati di questa settimana di Monitor Italia, il sondaggio nato dalla collaborazione tra agenzia Dire e l’istituto Tecnè.

La Lega, oggi registra il 32,9 di consensi rispetto al 31,3 della scorsa settimana. Il Movimento 5 Stelle, oggi secondo partito, ha il 20,5% ma perde rispetto al 21,1% che aveva il 12 settembre. Il Pd oggi ha il 19,4% dei consensi rispetto al 23,6% della scorsa settimana.

Stabili Forza Italia con l’8% e Fratelli d’Italia al 7,3%. Italia Viva, il nuovo partito di Matteo Renzi, raccoglie il 3,6% d consensi; +Europa al 2,2% in calo dello 0,4%, stabili La Sinistra 2,1% e i Verdi 1,3%. Per quanto riguarda la nuova formazione di Matteo Renzi, Italia Viva (3,6%), il 73,2% dei consensi del sondaggio Dire-Tecnè arrivano da elettori del Pd, il 15% da altri partiti e l’11,8% di elettori che si erano astenuti.

55,1% ITALIANI NON HA FIDUCIA NEL GOVERNO M5S-PD

La metà degli italiani non ha fiducia nel governo giallorosso. E’ il dato diffuso da Monitor Italia, sondaggio nato dalla collaborazione tra Agenzia Dire e l’istituto Tecnè. Il 55,1% degli intervistati dice infatti di non riporre fiducia nel governo nato dalla alleanza M5s-Pd. Poco meno di uno su tre (il 32,2%) dice invece di riporre speranza nel Conte bis. Il restante 12,7% è “senza opinione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»