Metrocittà, Brugnaro al Governo: “Chi ha i conti in ordine deve essere premiato”

Il sindaco metropolitano di Venezia, Luigi Brugnaro, oggi a Bari per il coordinamento dei sindaci delle Città metropolitane
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

VENEZIA – Il punto fondamentale è capire quale sia la visione del governo per lo sviluppo di Province e Città metropolitane. Questa, in sostanza, la richiesta del sindaco metropolitano di Venezia Luigi Brugnaro, oggi a Bari per il coordinamento dei sindaci delle Città metropolitane.

“Io sono qua per raccontarci quello che stiamo facendo nelle varie Città metropolitane, l’idea è quella di rafforzare questa istituzione che è stata lasciata per troppo tempo in un’indecisione totale”, spiega Brugnaro criticando “l’incompiutezza della legge Delrio”. Ora “voglio capire dal governo cosa vuole fare delle Province, qual è lo schema di riforma dello Stato”. E, “parlando di autonomia, se questa può essere data alla Città metropolitana, cioè se si ha voglia di fare un discorso, se si può iniziare a fare un ragionamento”.

Quindi “sarebbe riduttivo venire qua per fare richieste”, mentre invece è più utile e “interessante capire che schema c’è in mente per rilanciare questo Paese, partendo dagli esempi, dalle condizioni di lavoro e di vita delle persone, nelle varie città, nei vari luoghi”. Innanzitutto “bisognerebbe semplicemente capire che ci sono città che magari hanno problemi finanziari importanti, e in qualche modo chiedere l’equilibrio di quei conti”. Per contro “pensiamo che le città che quei conti li hanno in ordine debbano essere premiate”, suggerisce Brugnaro. “Non può essere che continuiamo a premiare le inefficienze e a non premiare mai il merito. Il tema del merito deve essere messo in discussione”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Settembre 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»