Antonello e Danilo dicono “Sì”, prima unione civile a Napoli /FOTO E VIDEO

De Magistris: "Nostra è città di mille colori, capitale dei diritti"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

unioni_civili6

NAPOLI – “Questo e’ un giorno che cambia la storia di un intero Paese, un giorno di ordinaria follia e di ordinario amore. E’ finalmente un Paese civile e un Paese moderno”. E’ il messaggio di Antonello Sannino, primo dirigente Arcigay d’Italia a unirsi civilmente con il suo compagno, il ballerino del teatro San Carlo, Danilo Di Leo, dopo l’approvazione della Legge Cirinna’.

A celebrare il rito, il primo per la citta’ di Napoli, e’ stato il sindaco, Luigi de Magistris. “Da qui – ha commentato il sindaco – sono partite tante battaglie come quella del registro delle unioni civili e quello per persone omosessuali posate fuori dal nostro Paese. Napoli e’ una citta’ mille colori, capitale dei diritti, delle lotte di movimenti e associazioni”.


Testimoni d’eccezione per l’unione di Antonello e Danilo, i due partigiani, Antonio Amoretti, presidente del Comitato provinciale dell’Anpi e protagonista della liberazione di Napoli dall’occupazione nazifascista, e sua moglie, Rosa Berriol. “Sono i partigiani ad aver scritto la nostra costituzione – ha spiegato ancora Sannino -, una costituzione bellissima che parla dell’uguaglianza di tutti i cittadini””.


Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»