Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

D’amato: “Dopo il rave di Viterbo tamponi a tappeto nei Comuni interessati”

rave_tampone
"È stato un assembramento di molte migliaia di persone e questo provoca un elemento di facilitazione della circolazione del virus"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Finalmente l’area è stata liberata. È stato un assembramento di molte migliaia di persone, per alcuni oltre 10mila, e questo provoca un elemento di facilitazione della circolazione del virus. Ci sarà un aumento dei contagi”. A parlare è l’assessore regionale alla Sanità, Alessio D’Amato, in diretta su Radio24, parlando del rave dei giorni scorsi a Viterbo. “Abbiamo dato disposizione di fare tamponi a tappeto nei Comuni interessati dal rave per prevenire eventuali contagi. Sicuramente questa situazione andava evitata”, ha aggiunto.

LEGGI ANCHE: Sgomberato il rave sul lago di Mezzano. FdI chiede il daspo per i partecipanti

D’AMATO: “NEL LAZIO SUPERATE 7,5 MILIONI SOMMINISTRAZIONI”

“Nel Lazio abbiamo superato 7,5 milioni di somministrazioni di vaccino, oltre il 73% della popolazione over 12 ha completato il percorso vaccinale. Il Lazio si conferma al di sopra di 6 punti percentuali rispetto alla media nazionale. La campagna di vaccinazione prosegue senza sosta, previste oltre 250mila somministrazioni già prenotate entro il mese di agosto. È stato organizzato dalla Asl di Viterbo un vax tour nei territori interessati dal Rave”, ha fatto sapere D’Amato.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»