Usa, Bannon incriminato per frode sui fondi per il muro anti-migranti

L'ex consigliere del presidente americano Donald Trump e punto di riferimento della cosidetta "alt-right" è stato incriminato oggi
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – Steve Bannon, ex consigliere del presidente americano Donald Trump e punto di riferimento della cosidetta “alt-right”, è stato incriminato oggi in relazione a illeciti che sarebbero stati commessi nel corso di campagna di una raccolta fondi per l’ampliamento dei muro anti-migranti al confine con il Messico. Secondo gli inquirenti, riferiscono fonti di stampa concordanti, l’iniziativa We Build the Wall aveva permesso di raccogliere circa 25 milioni di dollari. Il provvedimento, che ha colpito anche altri tre colleghi di Bannon, è stato notificato dai magistrati del Southern District di New York.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»