Arcuri: “Il coronavirus non è mai andato via. Ora il nostro Paese è più preparato”

"Avremo 3.700 posti nuovi in più di terapia intensiva, che significano il 70% in più di quanto avevamo a marzo", ha detto il commissario straordinario del governo per l'emergenza Covid-19
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – “Il virus non è mai andato via, finirà quando nel mondo saranno disponibili miliardi di vaccini“. Così Domenico Arcuri, commissario straordinario del governo per l’emergenza Covid-19 e amministratore delegato di Invitalia (Agenzia nazionale per lo sviluppo), intervenendo all’incontro dal titolo ‘Peggio di questa crisi c’è solo il dramma di sprecarla. Dialogo sulla ripartenza’ che si è svolto oggi nell’ambito del 41esimo Meeting di Rimini, in programma al Palacongressi della Fiera fino al 23 agosto. “Conserviamo la libertà che abbiamo ritrovato- ha proseguito- accompagnandola ad un forte senso di responsabilità”.

AVREMO 3.700 NUOVI POSTI DI TERAPIA INTENSIVA

“Avremo 3.700 posti nuovi in più di terapia intensiva, che significano il 70% in più di quanto avevamo a marzo. In più, 4.200 posti in più di sub intensiva”. “Tutto questo- ha concluso Arcuri- deve servire a scongiurare il collasso delle strutture sanitarie e a non rivivere più quei giorni di tregenda”. 

NOSTRO PAESE PIÙ PREPARATO RISPETTO A INIZIO

“L’Italia è più preparata di quello che eravamo quando ci è capitata questa tragedia”. “Forse- ha proseguito Arcuri- ci siamo preoccupati negli anni troppo del nostro stato patrimoniale e poco del nostro conto economico e del nostro Pil. Dobbiamo avere cura di investimenti in settori strategici per la vita dei cittadini”.

PRODUCIAMO OLTRE 30 MLN MASCHERINE AL GIORNO

“Oggi produciamo oltre 30 milioni di mascherine al giorno, più di quello che ci serve, e siamo pronti anche a restituire gli aiuti che abbiamo ricevuto da altri Paesi”. 

RIAPERTURA SCUOLE NECESSARIA PER RITORNO A NORMALITÀ

“Penso che la riapertura delle scuole sia necessaria non solo per il fine altissimo dell’istruzione, ma perché è un primo ritorno collettivo alla normalità”.  “Certamente- ha proseguito Arcuri- è necessario che la riapertura delle scuole sia accompagnata da una serie di strumenti che ne consentano un accettabile livello di sicurezza. E su questo farei un richiamo: cerchiamo di lavorare tutti insieme, come comunità, per far sì che questo accada, perché l’obiettivo è troppo importante”. Secondo il commissario Arcuri riaprire le scuole il 14 settembre “sarebbe un risultato importante- ha infine concluso- e sono certo che questo obiettivo sarà conseguito”.

ITALIA MERITEVOLE NELL’AFFRONTARE EPIDEMIA

“Il nostro Paese è stato particolarmente meritevole nell’affrontare questa tragedia. Abbiamo imparato a conoscere questo virus- ha proseguito Arcuri- all’inizio per tutti, anche per la scienza, sconosciuto; abbiamo imparato a rincorrere questi eventi ormai, in grande misura, ad anche ad anticiparli”. Il commissario ha infine ricordato che “all’inizio del mese di marzo eravamo il secondo Paese al mondo per numero di contagi, un numero drammatico, mentre oggi siamoil 16esimo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Agosto 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»