Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Treno investe e uccide una persona sulla tratta Bologna-Rimini: traffico ripartito

L'incidente è avvenuto alle 12.45 tra Santarcangelo e Rimini
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Sta gradualmente tornando alla normalità il traffico ferroviario fra Santarcangelo di Romagna e Rimini, sulla linea Bologna-Rimini. Lo annuncia Rfi, spiegando che la circolazione dei treni, sospesa dalle 12.45 per consentire i rilievi dell’Autorità giudiziaria a seguito dell’investimento mortale di una persona, “è ripresa alle 15 su un solo binario e alle 15.40 su entrambi”. I passeggeri del treno coinvolto nell’investimento, il Frecciabianca 8814 Lecce-Milano, “hanno proseguito il viaggio a bordo di un altro Frecciabianca inviato da Bologna non appena ottenuto il nulla osta a circolare”, e “sono stati assistiti e informati dal personale di Trenitalia nella stazione di Santarcangelo, dove il treno fermatosi in linea dopo l’investimento era stato autorizzato ad arrivare”. Sono stati anche distribuiti “circa 600 kit con acqua e altri generi di conforto”, e durante la sospensione della circolazione “l’offerta commerciale è stata interamente riprogrammata, con deviazioni di percorso, allungamento dei tempi di viaggio e cancellazioni”. Al momento, informa infine Rfi, si registra ancora “qualche rallentamento, in particolare per il traffico in direzione Nord, per il completamento dei rilievi ancora in corso”.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»