Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Roma, degrado a Porta Maggiore: mercatini abusivi e sporcizia

L'assessore ambiente V Municipio annuncia pulizia straordinaria
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

https://youtu.be/MncWP3TILbA

ROMA – Mentre a Ostia Casapound eseguiva il blitz contro i mercatini abusivi, a Porta Maggiore i Rom si sono riorganizzati improvvisando un souk a cielo aperto. Radio, scarpe, pantaloni, ma anche orologi, catenelle e borse. Intorno il degrado, in una zona che era stata ripulita meno di un mese fa dall’associazione Retake Roma, a poche settimane dall’intervento dei giardinieri del Comune che avevano tagliato l’erba intorno alla tomba del Fornaio. Bottiglie di birra, plastica, indumenti, ombrelli, le aiuole sono piene di immondizia di ogni genere.
L’assessore all’ambiente del V Municipio Dario Pulcini annuncia sulla sua pagina facebook che “dalle ore 22 del 19 agosto 2018 fino al 25 agosto si effettueranno le operazioni di pulizia straordinaria nello spartitraffico centrale di Via Prenestina, da Porta Maggiore fino a viale Palmiro Togliatti. Un’operazione fortemente voluta da questo assessorato per dare risposta alle richieste dei cittadini. Continua il nostro impegno costante per dare decoro e dignità alla città di Roma. Si ringrazia il personale Ama- conclude- e della Polizia Locale per la collaborazione”.

 

Ti potrebbe interessare:

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»