A caccia di bramiti e ululati nel Parco delle Foreste Casentinesi

Bussola in mano e orecchie tese: inizia la caccia
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

bramitoBussola in mano e orecchie tese: inizia la caccia ai richiami d’amore del cervo. Nel Parco nazionale delle Foreste Casentinesi dal 24 al 26 settembre si svolgerà per il terzo anno di fila il censimento di questo ‘principe della foresta’ e, visti gli ottimi risultati registrati nelle passate edizioni, quest’anno viene introdotta anche la ‘wolf howling’, per captare l’ululato dei lupi. A tale scopo nel Parco saranno individuati dei ‘punti di emissione’, delle aree cioè in cui sarà possibile ascoltare gli ululati che i branchi si scambiano tra loro.

Per i tanti volontari che accoreranno da tutta Italia si tratterà di un’occasione unica nel suo genere: perché oltre a permettere di avvicinare due animali notoriamente schivi e diffidenti, è un modo per sensibilizzare sui temi della salvaguardia di questo prezioso ecosistema, migliorandone la conoscenza. Il censimento dei lupi è stato pensato sulla scia dei due progetti Life Wolfnet e Wolfnet 2.0 che si svolgono proprio in quest’area protetta.

Oltre alle sessioni di ascolto serale, sarà possibile partecipare anche a eventi di formazione e divulgazione, il cui programma sarà reso noto nei prossimi giormi sul portale ufficiale del Parco, dove è inoltre possibile iscriversi entro il 10 settembre per partecipare all’iniziativa.

Di Redazione

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»