Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

L’Emilia-Romagna crea una banca dati sulle forme d’odio contro le persone Lgbt

omofobia_transfobia
La mappatura è prevista dalla legge regionale contro l'omotransfobia, per rafforzare le strategia di contrasto
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Mentre il Parlamento è alle prese con il disegno di legge Zan, l’Emilia-Romagna crea la prima banca dati sulle diverse forme di ostilità nei confronti delle persone Lgbt. La novità è emersa oggi al primo incontro dell’osservatorio regionale sulle discriminazioni e le violenze determinate dall’orientamento sessuale o dall’identità di genere, frutto della legge regionale approvata tra le polemiche nel 2019. All’incontro c’era una trentina di rappresentanti delle associazioni del mondo Lgbtq+, dei Comuni e dei servizi socio-sanitari sul territorio. Presente anche Luca Trappolin, professore aggregato e ricercatore confermato in Sociologia generale all’Università di Padova, cui è stato conferito l’incarico di coordinare l’indagine.

LEGGI ANCHE: Comunità trans contro i tentativi di affossare il ddl Zan: “Ci state condannando a morte”

La ricerca che verrà condotta sul territorio emiliano-romagnolo, fa sapere la Regione, “permetterà di costruire la prima banca dati esistente in Italia sulle diverse forme di ostilità contro le persone Lgbt, mappare i servizi locali e la loro capacità di intercettare l’ostilità anti-Lgbt, raccogliere le buone pratiche. Il tutto con l’obiettivo di rafforzare le strategie di contrasto all’omotransfobia”.

L’assessora regionale alle Pari Opportunità, Barbara Lori, saluta una “giornata importante, perché rappresenta un passaggio decisivo per la diffusione della cultura della tolleranza e del rispetto”. Questo, sottolinea l’assessore, “nell’ottica dell’affermazione dei diritti delle persone omosessuali e transessuali, ma anche per sensibilizzare al valore della differenza, dell’integrazione e del rispetto così come è previsto nelle legge regionale”.

LEGGI ANCHE: Ddl Zan, l’appello di Bonetti a Letta: “Cambi idea, i veri riformisti non si arroccano”

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»