Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Tokyo 2020, Paola Egonu scelta come portabandiera olimpica

paola egonu volley italia
La pallavolista, stella della Nazionale e dell'Imoco Conegliano, è stata scelta dal Coni per portare il vessillo a cinque cerchi nella cerimonia inaugurale dei Giochi in programma venerdì 23 luglio
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

TOKYO – Paola Egonu sfilerà con la bandiera olimpica nella cerimonia di apertura di Tokyo 2020. La pallavolista dell’Italia Team, su indicazione del Coni, è stata scelta, assieme ad alcuni atleti di altri Paesi, come portabandiera del vessillo a cinque cerchi nell’inaugurazione dei Giochi giapponesi in programma allo stadio Olimpico venerdì 23 luglio. Il presidente del Coni, Giovanni Malagò, appena atterrato a Tokyo nella tarda mattinata giapponese, ha chiamato la 22enne azzurra per informarla della scelta. Egonu è scoppiata a piangere e ha commentato: “Sono molto onorata per l’incarico che mi è stato dato. Mi ha fatto emozionare appena il presidente Malagò me l’ha detto, perché mi ritrovo a rappresentare gli atleti di tutto il mondo ed è una grossa responsabilità: attraverso me esprimerò e sfilerò per ogni atleta di questo pianeta”, ha concluso.

MALAGÒ: “FIERO DELLA SCELTA”

“Paola Egonu è la portabandiera olimpica nella cerimonia di apertura di Tokyo 2020. Un premio per la classe dell’atleta e il valore della persona, protagonista nel 2020 del video dedicato al personale sanitario e ai medici impegnati contro il Covid-19. Fiero della scelta fatta dal Comitato!”. Queste le parole su Twitter del presidente del Coni, Giovanni Malagò.

ANCHE L’IMPERATORE NARUHITO PRESENTE PER L’APERTURA DEI GIOCHI

L’imperatore del Giappone, Naruhito, parteciperà alla cerimonia di apertura delle Olimpiadi di Tokyo, in programma nella serata di venerdì. La conferma è arrivata oggi dall’agenzia che segue la Casa Imperiale, che al tempo stesso ha comunicato l’assenza dell’imperatrice Masako, nell’ottica di ridurre al minimo il numero di persone presenti nell’impianto. Stando alle prime informazioni, sarà proprio l’Imperatore – in qualità di capo di Stato del Paese ospitante – a dichiarare aperti i Giochi, come prevede anche la Carta Olimpica, mentre sembra esclusa al momento la partecipazione dei membri della famiglia reale ad altri eventi legati all’Olimpiade. Naruhito è il terzo imperatore ad aver accettato questo ruolo e il primo ad averlo fatto sia per le Olimpiadi che per le Paralimpiadi. Suo padre, l’imperatore Akihito, dichiarò l’apertura dei Giochi invernali di Nagano del 1998, mentre suo nonno, l’imperatore Hirohito, proclamò l’inizio dei Giochi estivi di Tokyo del 1964 e dei Giochi invernali di Sapporo del 1972.

ZAIA: “PAOLA GRANDE SIMBOLO DI FRATELLANZA E LEALTÀ”

“Non c’è figura migliore di Paola Egonu, come donna e come atleta, per portare alla cerimonia di apertura di Tokyo 2020 la bandiera a cinque cerchi, un grande simbolo mondiale di fratellanza e lealtà, al di là dello sport”. Così Luca Zaia, presidente della Regione Veneto, commenta la notizia che la pallavolista dell’Imoco Conegliano porterà il vessillo olimpico alla cerimonia di apertura dei Giochi di Tokyo. “Paola è il simbolo di quanto di meglio lo sport e la società contemporanea possano presentare oggi: donna coraggiosa dentro e fuori il campo, esempio di perfetta integrazione, probabilmente, anche la migliore pallavolista che abbia mai calcato un parquet. Quella di Tokyo sarà la sua schiacciata più bella”, aggiunge il governatore veneto.

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»