Gli articoli della Dire non sono interrotti dalla pubblicità. Buona lettura!

Dedicare un luogo alla Carrà? Il consiglio comunale di Bologna vota, ma non all’unanimità

raffaella carrà
Non hanno partecipato al voto Amelia Frascaroli di Città Comune e due consiglieri della Lega, Umberto Bosco e Mirka Cocconcelli
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

BOLOGNA – Il Consiglio comunale di Bologna mette nero su bianco la richiesta di intitolare “a Bologna, sua città natale, un luogo pubblico alla memoria di Raffaella Carrà. L’ordine del giorno annunciato nei giorni scorsi dalla consigliera comunale Simona Lembi (Pd) è arrivato nell’aula di Palazzo D’Accursio, che lo ha approvato ma non all’unanimità: non hanno partecipato al voto Amelia Frascaroli di Città Comune e due consiglieri della Lega, Umberto Bosco e Mirka Cocconcelli (mentre Francesca Scarano e Giulio Venturi hanno aderito alla proposta al pari di Pd, M5s, Fdi, Coalizione civica e misto).

Raffaella Carrà “ha saputo innovare il modo con cui la televisione pubblica ha parlato al Paese”, recita l’odg. Si tratta di “una donna che con la sua carriera nazionale e internazionale ha fatto da apripista alla possibilità di ridisegnare i ruoli femminili sul piccolo schermo in maniera finalmente non sussidiaria”, continua l’odg: “Un’artista che ha scelto la strada dell’ironia e il registro pop per scardinare gli stereotipi sul femminile, sulla sessualità e sulle libertà individuali e che di quelle stesse libertà è divenuta icona nel mondo e paladina dei diritti civili”.

LEGGI ANCHE: ‘Da Trieste in giù’ tutta l’Italia piange Raffaella Carrà

Carrà, inoltre, “ha dedicato impegno e cura personale e professionale– ricorda il Consiglio comunale- a favore di bambini e bambine; ha condotto programmi rivolti ai più piccoli e inventato personaggi nuovi; si è inoltre spesa per garantire a bambini e bambine nate in situazioni di grave disagio, condizioni più solide di crescita, anche promuovendo azioni e programmi a favore dell’adozione a distanza”.

Il Consiglio comunale ha approvato (all’unanimità) anche un odg presentato da Fdi per invitare la Giunta ad intitolare un luogo al Milite ignoto, “simbolo e patrimonio di tutti gli italiani”.

LEGGI ANCHE: I successi di Raffaella: dal “Tuca Tuca” a “Rumore”, oltre la celeberrima linea di Trieste

Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DiRE» e l’indirizzo «www.dire.it»

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Agenzia DIRE - Iscritta al Tribunale di Roma – sezione stampa – al n.341/88 del 08/06/1988 Editore: Com.e – Comunicazione&Editoria srl Corso d’Italia, 38a 00198 Roma – C.F. 08252061000 Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»