Recovery Fund, Conte: “C’è stata una svolta, sono cautamente ottimista”

Al via il quarto giorno di lavori alla ricerca di un difficile accordo per risolvere la crisi in Ue
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

BRUXELLES – “Questa notte abbiamo lavorato fino all’alba, direi che c’e’ stata una svolta“. Lo ha affermato il presidente del Consiglio, Giuseppe Conte, aggiungendo che “dobbiamo essere cauti fino a quando non c’e’ la stretta finale, ma posso dire che sono cautamente ottimista“.

LEGGI ANCHE: Ue, ‘Paesi Frugali’: chi sono, cosa vogliono e cosa vuol dire

“Le polemiche di questi giorni e qualche braccio di ferro hanno rischiato di appannare gli obiettivi comuni” ha detto il presidente del Consiglio Conte, aggiungendo che “non dobbiamo perdere di vista questi obiettivi: il piano serve a rilanciare l’Europa e a renderla piu’ competitiva, se ci fermiamo su qualche miliardo in piu’ o in meno si compromette la risposta”.

LEGGI ANCHE: Quarta corsia Bologna-Ravenna sull’A14, “Autostrade cancella gli alberi”

Sulla governance del Recovery Fund “c’e’ stato uno scontro: ho detto che non permettero’ mai che un singolo Paese possa avere il monopolio del sistema di controllo, questo spetta agli organi comunitari, su questo non mollo”.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»