Tour e album rimandati al 2021 per Tommaso Paradiso

Il nuovo progetto discografico dell'ex frontman dei Thegiornalisti sarà anticipato da un brano inedito in arrivo alla fine di questa estate
Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

ROMA – Tommaso Paradiso rinvia il ‘Sulle Nuvole Tour’ e il nuovo album. A causa del protrarsi dello stato di profonda incertezza circa l’evolversi della situazione degli spettacoli live e dell’impossibilita’ di prevedere il regolare svolgimento di prove e allestimento legati all’emergenza Covid-19, la tournee nei palazzetti del cantautore romano e’ stata posticipata alla primavera del 2021.

I biglietti gia’ acquistati rimangono validi per le nuove date (ulteriori informazioni su vivoconcerti.com). Anche il nuovo disco dell’ex frontman dei Thegiornalisti dovra’ attendere il debutto. L’uscita del progetto discografico e’ riprogrammata nel 2021 e sara’ anticipata dalla pubblicazione di un brano inedito in arrivo alla fine di questa estate.

A partire da giovedi’ 15 aprile 2021, il tour, organizzato da Vivo Concerti, vedra’ Tommaso Paradiso esibirsi sui palchi dei dieci principali palasport italiani: ‘Mediolanum Forum’ di Milano, ‘PalaInvent’ di Jesolo, ‘Palazzo dello Sport’ di Roma, ‘Unipol Arena’ di Bologna, ‘Nelson Mandela Forum’ di Firenze, ‘Pala Alpitour’ di Torino, ‘PalaPartenope’ di Napoli, ‘PalaCalafiore’ di Reggio Calabria, ‘PalaCatania’ di Catania e il ‘PalaFlorio’ di Bari (TBA).

Paradiso portera’ live il nuovo progetto discografico ma in scaletta non mancheranno tutti i suoi piu’ grandi successi: da ‘Completamente’ a ‘Riccione’ e i singoli ‘Non avere paura’ (certificato doppio disco di platino), ‘I nostri anni’ (certificato disco d’oro) e ‘Ma lo vuoi capire?’, pubblicato lo scorso 17 aprile.

Share on facebook
Share on twitter
Share on whatsapp
Share on email
Share on print

Leggi anche:

20 Luglio 2020
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»