VIDEO | Roma, a Torraccia la nuova segnaletica è sbagliata: confusione tra gli automobilisti

Da un paio di giorni, infatti, per le strade del quartiere è stata rifatta la segnaletica e per molti sono stati fatti evidenti errori
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – “Perché non hanno lasciato una strada come questa con la segnaletica che c’era prima?”. Sono molti i residenti del quartiere Torraccia, alle spalle di San Basilio, estrema periferia di Roma, a farsi questa domanda. Da un paio di giorni, infatti, per le strade del quartiere è stata rifatta la segnaletica e per molti sono stati fatti evidenti errori.

Un chiaro esempio l’intervento fatto in via Donato Menichella, una delle strade più transitate della zona. Considerata arteria principale, è ora frammentata da ben tre segnali di ‘stop’ in meno di 400 metri. Non solo. Perché in ognuno degli altrettanti incroci, per chi viene da sinistra c’è il segnale di dare la precedenza, cosa che crea non poca confusione negli automobilisti.

Perché, fanno notare gli abitanti della zona, “se mi devo fermare per dare la precedenza a chi è invece fermo allo stop, allora chi passerà? E viceversa, se sono fermo allo stop, faccio passare chi mi deve dare la precedenza?”. E poi un problema sembra esserci pure con la segnaletica orizzontale. Le scritte ‘stop’, con tanto di striscia che delimita, non partono all’altezza dell’incrocio ma diversi metri prima.

Non è difficile vedere auto non fermarsi allo stop, continuando a percorrere la strada come prima della nuova segnaletica. “Ma in caso di incidenti, cosa succederà? Perché non hanno lasciato tutto come prima?”, si chiede un giovanissimo: “Non ho ancora la patente, ma pure io mi sono accorto che hanno fatto un casino”.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»