fbpx

Tg Agricoltura, edizione del 20 luglio 2019

E’ online l’edizione settimanale del Tg Agricoltura del Lazio (nel video una anteprima):

– IL CHINOTTISSIMO, ECCELLENZA LAZIALE DAGLI EREDI NERI

Fu il signor Pietro Neri nel primo Dopoguerra a inventare il chinotto con una miscela di erbe, i fiori e il frutto dell’agrume da cui prende il nome. Una storia di grande successo, che ha raggiunto l’apice con l’apertura di una moderna fabbrica, a Capranica, dove si cominciarono a produrre anche limonate, gassose e acque minerali.

– A POGGIO MIRTETO IL CACIO CHE PRENDE IL NOME DA CARLO MAGNO

A Poggio Mirteto, in una fattoria, ristorante e punto vendita dei prodotti della Sabina, nel banco dei formaggi tipici del territorio si trova il Cacio magno, un particolare latticino che deve il suo nome al primo imperatore del Sacro Romano Impero. Si narra che, quando Carlo Magno passò per l’Abbazia di Farfa, si innamorò di questo formaggio e ne ordinò una grande quantità. Il pratico formato a mattone si deve proprio alle esigenze di trasporto.

– FRUTTI DI BOSCO BIO, IL LATO DOLCE DELLA TUSCIA

In una valle di origine vulcanica dell’alta Tuscia, a Valentano, la Fattoria biologica ‘La Bottara’ dedica la propria attività alla coltura di prodotti caratteristici del territorio, come i ceci del solco, grani antichi e farro, con cui fa la propria pasta. Ma da quando, diversi anni fa, l’Arsial ha incentivato le comunità montane a sperimentare la coltivazione dei frutti di bosco, composte, succhi e marmellate bio sono diventate il prodotto di punta di questa azienda a conduzione familiare.

– ARSIAL FINANZIA PROGETTI PER LE COMUNITA’ DEL CIBO

Oltre 20mila euro per finanziare, nel Lazio, 3 progetti per la costituzione di Comunità del Cibo e della biodiversità di interesse agricolo e alimentare. Li ha assegnati alla Regione il ministero per le Politiche agricole in attuazione della legge 194/2015 e sarà Arsial a selezionare le proposte più valide tra quelle che giungeranno attraverso l’avviso pubblico, disponibile sul sito dell’agenzia regionale, che scadrà il 9 agosto.

 

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Guarda anche:

20 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»