E’ morto a 89 anni il giudice Francesco Saverio Borrelli, capo del pool di Mani Pulite

Nato a Napoli nel 1930, a Milano tutta la sua carriera: da Tangentopoli allo storico appello "Resistere, resistere, resistere"
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

ROMA – E’ morto a 89 anni il magistrato Francesco Saverio Borrelli, storico capo del pool di Mani Pulite, da tempo ricoverato nell’hospice dell’Istituto dei Tumori di Milano.

Nato a Napoli nel 1930, era entrato in magistratura nel 1955 svolgendo quasi tutta la carriera tra le aule del tribunale di Milano.

Resta celebre il suo appello pronunciato durante l’apertura dell’anno giudiziario a Milano nel 2002: “Ai guasti di un pericoloso sgretolamento della volontà generale, al naufragio della coscienza civica nella perdita del senso del diritto, ultimo, estremo baluardo della questione morale, è dovere della collettività resistere, resistere, resistere come su una irrinunciabile linea del Piave”.

Il Presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, esprime il suo cordoglio per la morte di Francesco Saverio Borrelli, magistrato di altissimo valore, impegnato per l’affermazione della supremazia e del rispetto della legge, che ha servito con fedeltà la Repubblica. Cosi’ una nota del Quirinale.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email
Condividi su print

Leggi anche:

20 Luglio 2019
Le notizie del sito Dire sono utilizzabili e riproducibili, a condizione di citare espressamente la fonte «Agenzia DIRE» e l'indirizzo «www.dire.it»